Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

ACCESSO CIVICO GENERALIZZATO (F.O.I.A.)

Responsabile sostitutivo: Vimercati Pierluisa

Uffici responsabili

Servizio Ragioneria, Servizio Tributi, Servizio Informativo (CED), Servizio Affari Generali, Settore Economico Finanziario ed Affari Generali, Servizi Demografici, Settore Servizi alla Persona, Ufficio Cultura, Servizi Sociali, Area Anziani - Casa di Riposo, Settore Tecnico, Servizio Lavori Pubblici, Struttura organizzativa di Staff, Ufficio Segreteria, Ufficio Partecipate, Ufficio Anagrafe - Elettorale, Ufficio Stato Civile - Leva - Pensioni, Ufficio Edifici Pubblici, Ufficio Spazi Pubblici, Ufficio Ecologia, Servizio Assetto del Territorio - Urbanistica - Edilizia Privata - SUE, Servizio Sportello Unico Attività Produttive - SUAP, Unità Operativa di Staff, Ufficio Contratti, Ufficio Relazioni con il Pubblico, Archivio - Protocollo, Ufficio Messi, Servizio Autonomo - Servizio di Polizia Locale, Corpo di Polizia Locale, Ufficio P.A. - P.S., Ufficio Servizi Sociali, Ufficio Casa - Ufficio Servizi Abitativi Pubblici (SAP), Ufficio Sport, Ufficio Pubblica Istruzione, Asilo Nido, Biblioteca Civica, Centro Diurno Anziani, Ufficio Personale

Descrizione

L'Accesso civico generalizzato (o accesso F.O.I.A. Freedom Of Information Act) consente a chiunque di richiedere documenti, dati o informazioni ulteriori rispetto a quelli che le amministrazioni sono obbligate a pubblicare (art. 5, c. 2).


- Contenuto e modalità di presentazione di una richiesta di Accesso Civico Generalizzato (Accesso F.O.I.A.)  al  Comune di Parabiago

Per presentare una richiesta di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) è disponibile nel menu di questa pagina un modulo da compilare e firmare.

E’ possibile utilizzare il modulo presente in allegato oppure analoga istanza in forma libera che contenga tutte le informazioni richieste dal citato modulo.

Si ricorda che l’ accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) è previsto per richiedere documenti/dati/informazioni disponibili e identificati. Pertanto, nella compilazione della richiesta, si raccomanda di fornire tutti gli elementi utili alla loro identificazione.

Sono inammissibili eventuali istanze di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) laddove l’oggetto della richiesta sia troppo vago da non permettere di identificare la documentazione richiesta, qualora la stessa risulti manifestamente irragionevole. 

Resta comunque ferma la possibilità per il Comune di chiedere di precisare la domanda di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) identificando i dati, le informazioni o i documenti che si desidera richiedere.                                                           

La richiesta potrà essere sottoscritta:

  • con firma digitale direttamente sul file;
  • con firma autografa sulla stampa del modello.

Laddove la richiesta di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) non sia sottoscritta dall’interessato in presenza del dipendente addetto, la stessa deve essere sottoscritta e presentata unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di identità del sottoscrittore, che va inserita nel fascicolo (cfr. art. 38, commi 1 e 3, del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.)

 

Invio telematico > La richiesta potrà essere spedita, anche tramite modulo disponibile in questa pagina, ad uno degli indirizzi di posta elettronica F.O.I.A. del Comune: e-mail: comune@comune.parabiago.mi.it; PEC: comune@cert.comune.parabiago.mi.it

Invio con posta ordinaria > Il modulo potrà essere stampato, firmato e trasmesso all'indirizzo: Al Sindaco del Comune di Parabiago – Piazza della Vittoria, 7 – 20015 PARABIAGO.

Resta fermo che l’istanza può essere presentata anche a mezzo fax al n. 0331.55.27.50 o direttamente presso gli uffici indicati dall’art. 5, comma 3, del d.lgs. n. 33/2013 (ufficio competente e che detiene i dati o documenti; all’Ufficio relazioni con il Pubblico (U.R.P.) e all’Ufficio Protocollo)

 Torna nella pagina Articolazione degli uffici

 - Informazioni generali sul procedimento

Laddove l’istanza di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) possa incidere su interessi di soggetti controinteressati legati alla protezione dei dati personali, o alla libertà e segretezza della corrispondenza oppure agli interessi economici e commerciali (ivi compresi la proprietà intellettuale, il diritto d’autore e i segreti commerciali) è necessario che l’ente destinatario dell’istanza di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) ne dia comunicazione agli stessi, mediante invio di copia con raccomandata con avviso di ricevimento (o per via telematica per coloro che abbiano consentito a tale forma di comunicazione). In tal modo, il soggetto controinteressato può presentare (anche per via telematica) una eventuale e motivata opposizione all’istanza di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) entro dieci giorni dalla ricezione della comunicazione. Decorso tale termine, l’Amministrazione provvede sulla richiesta di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.), accertata la ricezione della comunicazione da parte del controinteressato. 

La comunicazione ai soggetti controinteressati non è dovuta nel caso in cui l’istanza di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) riguardi dati e documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria.

Il procedimento di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) deve concludersi con provvedimento espresso e motivato nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell’istanza con la comunicazione del relativo esito al richiedente e agli eventuali controinteressati. Tali termini sono sospesi nel caso di comunicazione dell’istanza al controinteressato durante il tempo stabilito dalla norma per consentire allo stesso di presentare eventuale opposizione (10 giorni dalla ricezione della comunicazione). 
In caso di accoglimento, l’amministrazione provvede a trasmettere tempestivamente al richiedente i dati o i documenti richiesti.

Laddove vi sia stato, invece, l’accoglimento della richiesta di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.), nonostante l’opposizione del controinteressato, l’amministrazione è tenuta a darne comunicazione a quest’ultimo. 
I dati o i documenti richiesti possono essere trasmessi al richiedente non prima di quindici giorni dalla ricezione della stessa comunicazione da parte del controinteressato, ciò anche al fine di consentire a quest’ultimo di presentare eventualmente richiesta di riesame o ricorso al difensore civico, oppure ricorso al giudice amministrativo (cfr. art. 5, commi 7-9).

 L’ente destinatario dell’istanza di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) ai sensi dell’art. 5, comma 2, del d. lgs. n. 33/2013 è tenuto a motivare l’eventuale rifiuto, differimento o la limitazione dell’accesso con riferimento ai soli casi e limiti stabiliti dall’articolo 5-bis.

 L’ente destinatario della richiesta di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) può chiedere un parere formale al Garante per la protezione dei dati personali.

- Rimedi disponibili in caso di mancata risposta o in caso di rifiuto parziale o totale.
La disciplina in materia prevede che in caso di diniego totale o parziale dell’accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) o di mancata risposta entro il termine indicato dal comma 6 del D. Lgs. n. 33/2013, il richiedente può presentare richiesta di riesame al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che decide con provvedimento motivato, entro il termine di venti giorni. 

È previsto che il Garante per la protezione dei dati personali sia sentito dal responsabile della prevenzione della corruzione nel caso di richiesta di riesame solo laddove l’accesso civico generalizzato (F.O.I.A.) sia stato negato o differito per motivi attinenti la tutela della «protezione dei dati personali, in conformità con la disciplina legislativa in materia» (art. 5-bis, comma 2, lett. a, D. Lgs. n. 33/2013). In tali ipotesi, il Garante si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta, durante i quali il termine per l’adozione del provvedimento da parte del responsabile della prevenzione della corruzione o per la pronuncia del difensore civico sono sospesi.

In alternativa, alla richiesta di riesame, laddove si tratti delle amministrazioni delle regioni o degli enti locali, il richiedente può presentare ricorso al difensore civico competente per ambito territoriale che nel caso del Comune di Parabiago è il difensore civico regionale. In tal caso, il ricorso deve comunque essere notificato anche all’amministrazione interessata. È previsto che il difensore civico si pronunci entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso e che se il difensore civico ritiene illegittimo il diniego o il differimento, ne debba informare il richiedente e comunicarlo all’amministrazione competente. Se questa non conferma il diniego o il differimento entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione del difensore civico, l’accesso è consentito.

La normativa prevede che si può impugnare la decisione dell’amministrazione competente o, in caso di richiesta di riesame, la decisione del responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza, di fronte al Tribunale amministrativo regionale ai sensi dell’articolo 116 del Codice del processo amministrativo di cui al Decreto Legislativo 2 luglio 2010, n. 104.

Responsabile del Piano triennale per la prevenzione della corruzione e trasparenza del Comune di Parabiago: avv. Fulvio Andrea Pastorino, Segretario Generale, nominato con decreto sindacale n. 12 del 14.06.2019 comune@cert.comune.parabiago.mi.it,  

 

Chi contattare

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
30 gg

Costi per l'utenza

Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dall’amministrazione per la riproduzione su supporti materiali.

Modulistica per il procedimento

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: Da definire

Allegati

Modulo per istanza di accesso civico generalizzato (F.O.I.A.): MODULO PER ISTANZA DI ACCESSO CIVICO AGGIORNATA.pdf (Pubblicato il 02/10/2017 - Aggiornato il 02/10/2017 - 117 kb - pdf) File con estensione pdf
Modulo per richiesta di riesame per accesso civico generalizzato (F.O.I.A.): MODULO PER ISTANZA DI ACCESSO CIVICO RIESAME.pdf (Pubblicato il 02/10/2017 - Aggiornato il 02/10/2017 - 109 kb - pdf) File con estensione pdf
Se non hai trovato i documenti o le informazioni oggetto di pubblicazione obbligatoria, puoi presentare istanza di accesso civico
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza della Vittoria 7 - 20015 Parabiago (MI)
PEC comune@cert.comune.parabiago.mi.it
Centralino 0331 406011
P. IVA 01059460152
Linee guida di design per i servizi web della PA